Dopo la recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione, n. 17959/2021, che ha dichiarato l’illegittimità del meccanismo di recupero delle cosiddette “partite pregresse”, Micu3000 si prepara a richiedere alle società il rimborso della spesa non dovuta.

Le cosiddette “partite pregresse”, sono conguagli tariffari previsti dall’ARERA con la delibera n. 643/2013, però come ribadito in più occasioni e ora confermato anche dalla Suprema Corte di Cassazione la delibera ARERA, in quanto provvedimento amministrativo, non può porsi in contrasto con la legge e nello specifico con l’art. 11 delle Preleggi, che dispone il principio di irretroattività della legge.

La recente sentenza apre quindi le porte alla richiesta di rimborso per chi ha già pagato tali conguagli ritenuti illegittimi, ma anche per coloro che hanno contenziosi aperti con i gestori.

Di admin

Lascia un commento

Servizio Assistenza Coronavirus è un progetto a cura dell'Associazione Diritti del Malato del Gruppo Micu3000 a.p.s.

X